martedì 21 agosto 2007

La Campanela de Comarolo

Ga sonà la prima campanela
me Nono vestio da festa e col capelo
el va dó pal strodo pian-pianelo

Ghimo parà via ‘naltra setimana
tuti i ga laorà e suà dandose da fare
parchè la vita la xè dura da afrontare

Ma co riva la domenega tuto se chieta
pa rispeto de la creasión
e ognun vol deventare un fià pì bon

Anca la natura se raposa
el dixnare no lè mia sempre quelo
e le toxe se mete el vestito belo!

Dindlìn… Dindlìn… Dindlìn…

I gà ciamà su da mesa e la Cexeta
piena de jente da tute le contrae
la acoglie le orasión pregae e cantae

Tuti uniti con fede e devosión
parfin la povertà te para bela…
…co sona la seconda campanela

Maria Teresa Pezzin de Comarolo
Maggio 2007
(Ritrovarsi tutti nella piccola chiesa che chiama col suono della campanella è un modo, oltre che per manifestare la fede, anche per superare uniti le difficoltà, al punto che sembra bella perfino la povertà)
Note: la S in grassetto si pronuncia marcata ma non doppia
la X si pronuncia come esse dolce

10 commenti:

Pier Giorgio ha detto...

va ben jera belo trovarse in cesa
ala domenega ma no so se ve ricorde'che giasara che la jera
pense', che gera du bomboluni de gas
un baston taca' e insima na
resistensa tuta rossa che la sercava de mandare fora un po de calor par scaldare l'aria , ma la faseva cosi' tanto rumore da scuerdere anca la vose de me santola
NEI che la iera ben potente !!

Anonimo ha detto...

Ma funzionano ancora le campane?
Chi le fa suonare adesso?

Pier Giorgio ha detto...

certo che le sona,
e come!
tute le domeneghe
ale oto , oto e meda
de matina par ciamare tuta comarolo ala mesa
Se proprio no lo fa
un campanaro de sicuro
el Paroco el se da da fare ilo!

Anonimo ha detto...

Se el fradeo del prete svisero, Predebon che el sone le campane, quel che el ga sposa a Giana.
Se no sbaglio el se ciama Aldo.

Anonimo ha detto...

Ghe se un prete svisero a Gomarolo ?

MariaTeresa ha detto...

caro Anonimo, un pò mi spiace che non ti sei dato il nome, beh, avrai i tuoi motivi...Però mi è venuto da pensare che ti piace il suono delle campane e così, improvvisamente, ho sentito nelle orecchie lo scampanìo ed il frastuono dei campanassi e campanei di quando c'era la transumanza delle mandrie di mucche dalla pianura alle montagne del nostro altopiano. Naturalmente le vacarie passavano spesso anche da Gomarolo e per noi bambini era come una festa, un avveninemto, bello ancor più per il fatto che stava per terminare l'anno scolastico...Così ho scritto quei ricordi intitolandoli "la vacarìa", con tutto l'affetto per quegli adorabili animali e la nostalgia per quei tempi. Ciao

Anonimo ha detto...

Ciao, so el marieto de Conco,
ma ghe se un prete de Gomarolo ?

Anonimo ha detto...

Se che no so bon a darme un nome, comunque grasie.
Ma selo el fiol de chi ?

Anonimo ha detto...

Si chiama Ottavio Predebon, ogni anno torna a Gomarolo, quasi sempre nel periodo estivo.
Abita in parte alla Lucilla, visin la casa dell'Omero.

Anonimo ha detto...

Grasie, no lo savevo.